Topic outline

  • General

    • "... tutta quanta la vita è sospesa a una voce": così scrive Pavese in una sua poesia (Indifferenza).

      E davvero, conoscere la vita di questo autore è ritrovare 

      ogni giorno uno sguardo, una rotta parola,

       e afferrarli, insaziabile, come fosse un amore


    • Con la consapevolezza che solo in una "lingua mitica" - quale è quella dei Dialoghi - Pavese ha voluto "discorrere con chi sa parlare" e rivelare meraviglie a chi ascolta le sue parole, per non sciupare la bellezza di quest'esperienza di scrittura, come Esiodo anch'io mi sento di dire ...

      ... io non so parlare. E mi par di sapere qualcosa soltanto con te 

      "Le Muse"

      Dal desiderio di "raccontare" questa scoperta sono nate, appunto, queste pagine: un tentativo di mostrare come le parole di tali "colloqui" possano "suonare" l'altra cosa "vera", quella che non si può dire e che sola importa, a chi prova a collocarsi nell'orizzonte in cui esse cessano di essere solo informative.



    • Lettura guidata dei 5 dialoghi più belli e più noti...


    • Nella cartella sono presenti i testi dei seguenti dialoghi:

      • SCHIUMA D'ONDA
      • L'INCONSOLABILE
      • LE MUSE
      • L'ISOLA
      • LE STREGHE




      ... l'eternità del mare, dove tutto macera e ribolle, muore e rivive.

                                                                                                                          "Schiuma d'onda"

    • Quando racconti quel che sai, non ti rispondo "cosa resta?" o se furono prima le parole o le cose.

      Vivo con te e mi sento vivo.


      E' accaduto anche a te ascoltando Pavese?